Cibi a basso contenuto di Nichel: ecco quali

12
652

Le diete a basso contenuto di nichel in circolazione, sono tantissime. Personalmente mi è capitato di ricevere da specialisti e professori, diete nelle quali gli alimenti concessi erano i più svariati. Se parliamo con persone non allergiche, probabilmente stenteranno a credere che alcuni cibi salutari, come ad esempio la maggior parte delle verdure e dei frutti, per noi allergici sono un problema in quanto ricchi di nichel e altri metalli. Oppure pesci che notoriamente fanno bene alla salute, per noi sono off limit.

Bisogna distinguere due diete per allergici: la dieta disintossicante, a bassissimo contenuto di nichel, e la dieta di mantenimento.

Nel primo caso, i pareri sono abbastanza concordi; in linea di massima si sa che determinati alimenti contengono poco nichel e soprattutto che molti altri ne contengono tanto. Per quanto riguarda il mantenimento, invece, è una vera e propria giungla  di pareri e linee guida.

C’è chi dice che la carota è ok, altri invece la vietano. Alcuni ritengono che un bicchiere di vino rosso al pasto sia consentito, altri lo sconsigliano. Molti allergici hanno problemi di gastrite, colon irritabile, intolleranza al lattosio, istamina da tenere sotto controllo, ecc.. Quindi bisognerà tenere in considerazione vari fattori. Infatti la tolleranza è soggettiva e il nostro corpo, accumula nichel senza che ce ne accorgiamo e magari poi ” esplode”. Come regolarci allora? Cerchiamo di non mangiare troppo fuori casa, non abbiamo certezze circa la preparazione delle pietanze, o l’utilizzo degli ingredienti. Prediligiamo un’ alimentazione leggera con pochi grassi e limitiamo le fritture!  Ecco qui un breve elenco di cibi a basso contenuto di nichel.

 

VERDURE

  • Bietole, radicchio, finocchi cotti, melanzane, zucchine, peperoni e indivia.

LATTE E DERIVATI

  • Latticini con poco o senza lattosio ( se vi è un’intolleranza al lattosio).

CARNE

  • Tutta la carne, tranne le frattaglie e le carni lavorate ( salsiccia, saltimbocca, cotolette già pronte..).

PESCE

  • Spigola, orata e pesce spada ( escludiamo particolarmente i crostacei e i molluschi).

FARINACEI E CEREALI

  • Evitare le farine integrali, la pasta ripiena e i prodotti da forno industriali, preferendo amaranto, quinoa, farina 00, pane preparato con lievito madre, riso parboiled o basmati.

FRUTTA

  • Agrumi, mela e banana.

UOVA

  • Non eccedere ( massimo 2/3 a settimana)

SALUMI

  • Fesa di tacchino, prosciutto crudo e bresaola.

 

N.B. Evitare il consumo di prodotti senza glutine industriali, a meno che non siano di solo riso: sono a base di mais!

 

 

 

 

12 COMMENTS

  1. Ottimo post Mimì, anch’io sono allergica al nichel e questo post aiuta le persone che hanno questo problema che ultimamente vedo espandersi velocemente.

    Interessante la lista che hai elencato, sintetica ma molto pratica. Secondo il mio punto di vista, il miglior consiglio che hai offerto qui è quello di seguire una dieta iniziale per disintossicarsi dal nichel per poi passare ad un’alimentazione di mantenimento.

    Questo cambio di regime alimentare ci permette di mangiare qualche prodotto in più con meno restrizioni, evitando quindi di ingrassare o dimagrire troppo.

    Poi in questo tuo elenco è normale che alcuni alimenti siano più tollerati di altri, e non è detto che un prodotto che a me da una forte reazione allergica, ad un’altra persona magari non provoca nessuna conseguenza.

    Come consigliavi anche tu, anch’io ho eliminato la gran parte dei prodotti industriali o confezionati, per quello che è possibile. Già solo eliminando questi prodotti si potrebbe già vedere nel tempo un miglioramento delle proprie condizioni fisiche. Poi tra l’altro, è consigliabile evitare questi cibi confezionati anche per chi non è affetto da questa allergia :).

    Grazie ancora per questo tuo elenco di risorse.

  2. Grazie Paola! Io consiglio sempre di seguire una dieta disintossicante per i primi periodi oppure quando avvertiamo che il nostro corpo ha accumulato un po’ di sostanze nocive. Sebbene i cibi con pochissimo nichel siano pochi, è comunque possibile creare ricette gustose! In seguito, e sempre sotto stretto controllo medico, si potrebbero inserire nuovi alimenti! 😉

  3. Ciao Mimì, non mi è arrivata la notifica del tuo commento e me lo sono persa per strada ;), scusami se ti rispondo solo ora!

    Gli stessi consigli che hai suggerito sul disintossicarsi la seguo anch’io. Ora sto molto attenta a quello che mangio, e anche se gli alimenti che posso mangiare non sono tantissimi, effettivamente sono parecchie le ricette che posso preparare. Seguirò attentamente le tue ricette e proverò a realizzare quelle che per me sono più semplici e veloci da preparare.

    Ancora grazie per aver risposto al mio commento!

  4. Ah bene, non sono una grande esperta in cucina, ma con quest’allergia bisogna arrangiarsi ;). Mi farò risentire da queste parti quando ho una buona ricetta da condividere. Grazie mille per avermi invitato a proporre una mia ricetta!

  5. Grazie mille per avermi mostrato questo blog! Spero al più presto di essere anche io utile per altre persone che hanno questo problema alimentare 😀

  6. Ciao Mimì..Innanzitutto grazie per aver aperto questo bellissimo blog pieno di consigli e ricette ..:-) ho scoperto da qualche mese sta benedetta allergia ..Per il periodo di disintossicazione si può tener conto della tua lista e delle ricette a bassissimo contenuto di nichel ?perché il mio allergologo mi ha dato una lista assurda ..grazie e complimenti ancora!

  7. Ciao Jessica, benvenuta nella community! La mia lista mostra i cibi a basso contenuto di nichel, una sorta di vademecum per chi è alle prime armi 😉 Puoi dare un’occhiata alle ricette con bassissimo contenuto e provare quelle che ti incuriosiscono maggiormente! Tuttavia consiglio di rivolgerti al tuo specialista, è importante essere seguite e consigliate da un medico di fiducia! 🙂

  8. Ciao Mimì, grazie per questo meraviglioso sito, sono un’allergica di primissima generazione….20 anni fa. Hai qualche consiglio per l’utilizzo della macchina del pane? Su tutti i ricettari si parla di farina di manitoba ma per noi è out.

  9. Ciao Flavia! Beh anche io sono allergica da un bel po’! 😉 Puoi benissimo utilizzare farina di riso o kamut per le preparazioni con la macchina del pane, miscelandole alla fecola di patate ( se ti è consentita) avrai del pane sofficissimo!

  10. Mangiare senza nichel mi sembra parecchio complicato, ho una domanda usi spesso latticini delattosati, come mai no usi latte di riso o prodotti di soia?

  11. Ciao Clibi! Uso poco il latte di riso per una questione di gusto personale, inoltre spesso vi è l’aggiunta di oli vegetali non consentiti in una dieta priva di nichel.
    La soia, come altri legumi e vegetali è ricca di nichel, pertanto altamente sconsigliata nel caso di allergie o intolleranze.
    Con il tempo mi sono abituata a questa dieta alternativa, anche perchè da quando la seguo sto molto meglio. Dopo una fase disintossicante si può provare a reintrodurre qualche alimento ( sempre sotto controllo medico!)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here